Università degli Studi dell'Insubria Insubria Space
 

InsubriaSPACE - Thesis PhD Repository >
Insubria Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10277/522

Autori: Croce, Caterina
Tutor interno: BONVECCHIO, CLAUDIO
Tutor non afferente all'Università: CARBONE, MAURO
Titolo: L’ombra di Polemos, i riflessi del Bios. La prospettiva della cura a partire da Jan Patočka e Michel Foucault.
Abstract: A partire dalle riflessioni del fenomenologo ceco Jan Patočka e dagli studi del filosofo francese Michel Foucault, questa ricerca intende esplorare il tema della cura – di sé, dell’anima, degli altri, del mondo – in quanto forma di relazione etica. Nell’eclissi dei sistemi valoriali tradizionali, le ricerche sulla nozione di cura possono offrire una prospettiva etica capace di riformulare i termini della responsabilità collettiva. Il punto di partenza è un passaggio dell’ultimo corso di Foucault al Collège de France (Il coraggio della verità), dove il filosofo fa riferimento al pensiero di Patočka. Foucault riconosce all’autore ceco di essere stato il solo autore contemporaneo ad aver approfondito il principio antico dell’epimeleia. Tuttavia, secondo Foucault, la propria personale ricerca – articolata attorno alla nozione di epimeleia heautou, cioè di cura come messa alla prova, problematizzazione e stilizzazione di sé – differirebbe da quella di Patočka, più interessata allo studio dell’epimeleia tes psyches, ossia all’anima sotto il profilo ontologico e gnoseologico. Innanzitutto, la tesi di Foucault incoraggia un’analisi del significato del termine “anima” nel contesto della fenomenologia asoggettiva elaborata da Patočka. In secondo luogo, invita a studiare la nozione di “sé” presente negli ultimi testi di Foucault. Indagando i rapporti tra i processi singolari di soggettivazione e il bios in quanto “modo di vita” o “stile di esistenza”, si arriva a porre il problema della vita in quanto orizzonte ontologico dell’essere in comune. Ci si interroga così sulla possibilità di una cura del bios che sia insieme “legame di vita” e “modo di vita”: cura del bios come ontologia critica delle condizioni che rendono possibile il riconoscimento della vita, intesa come dimensione della coappartenenza, e allo stesso tempo attitudine etica a farsi carico della sua vulnerabilità.
Parole chiave: Foucault, Patočka, cura di sé, cura dell’anima, fenomenologia a-soggettiva, biopolitica.
MIUR : SPS/01 FILOSOFIA POLITICA
Data: 2013
Lingua: ita
Corso di dottorato: Filosofia delle Scienze Sociali e della Comunicazione Simbolica
Ciclo di dottorato: 25
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi dell'Insubria
Ateneo di co-tutela: Université Jean-Moulin Lyon 3
Citazione: Croce, C.L’ombra di Polemos, i riflessi del Bios. La prospettiva della cura a partire da Jan Patočka e Michel Foucault. (Doctoral Thesis, Università degli Studi dell'Insubria, 2013).

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
Phd_thesis_crocecaterina_completa.pdftesto completo tesi4,37 MBAdobe PDFVisualizza/apri

Questo documento è distribuito in accordo con Licenza Creative Commons
Creative Commons


Tutti i documenti archiviati in InsubriaSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.  Feedback