Università degli Studi dell'Insubria Insubria Space
 

InsubriaSPACE - Thesis PhD Repository >
Insubria Thesis Repository >
01 - Tesi di dottorato >

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10277/803

Autori: Ciancio, Genoveffa
Tutor non afferente all'Università: FALABELLA, PATRIZIA
GATEHOUSE, ANGARAD
MALVA, CARLA
PENNACCHIO, FRANCESCO
Titolo: Identificazione di una putativa proteina nel veleno di Toxoneuron nigriceps
Abstract: Gli insetti parassitoidi compiono il loro sviluppo larvale a spese di insetti ospiti. Durante l’ovideposizione nell’ospite, la femmina del parassitoide inietta un veleno, al fine di regolarne la fisiologia e favorire lo sviluppo della propria prole. Il presente progetto di dottorato ha avuto come scopo l’identificazione delle proteine del veleno dell’imenottero Toxoneuron nigriceps (Viereck) (Hymenoptera, Braconidae), parassitoide endofago di stadi larvali di Heliothis virescens (Fabricius) (Lepidoptera, Noctuidae). La composizione biochimica e le attività tossiche di questo veleno risultano tutt’oggi completamente sconosciute. L’intero trascrittoma della ghiandola del veleno di Toxoneuron nigriceps è stato sequenziato e analizzato mediante strumenti bioinformatici. Tale analisi ha evidenziato un’ ampia varietà in termini di composizione proteica del veleno. Il lavoro sperimentale è stato suddiviso in due fasi: nella prima, denominata “bioinformatica”, si è analizzato, mediante tools bionformatici, il trascrittoma de novo delle ghiandole del veleno, realizzato ed assemblato con l’impiego della tecnologia ‘RNA-Sequencing’ (RNA-Seq). Nella seconda fase, denominata “analitica”, il veleno è stato dapprima quantificato e successivamente sottoposto ad uno stadio di separazione mediante elettroforesi monodimensionale (SDS-PAGE) e bidimensionale (2D-PAGE). Gli spot sono stati escissi e sottoposti, nella fase identificativa, ad analisi di spettrometria di massa ESI MS-MS previa digestione con tripsina. Le analisi effettuate hanno permesso di identificare inequivocabilmente una proteina denominata “Heparanase”. Si tratta di un’endoglicosidasi che taglia l’eparan solfato (HS) e partecipa quindi alla degradazione e al rimodellamento della matrice extracellulare. Molte eparanasi sono coinvolte nel miglioramento dell’Akt signaling, nella migrazione cellulare mediata dal fosfatidilinositolo-3-chinasi (PI3K) e dalla chinasi p38, e nella sovraregolazione del fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGF), proteine presenti nei veleni degli Imenotteri studiati.
Parole chiave: Toxoneuron nigriceps, endoparassitoidi, imenotteri, eparanasi
MIUR : AGR/11 ENTOMOLOGIA GENERALE E APPLICATA
Data: 2015
Lingua: ita
Corso di dottorato: Insect Science and Biotechnology
Ciclo di dottorato: 14
Università di conseguimento titolo: Università degli Studi dell'Insubria
Altre informazioni: Sul frontespizio sigillo dell'Università degli Studi della Basilicata
Citazione: Ciancio, G.Identificazione di una putativa proteina nel veleno di Toxoneuron nigriceps (Doctoral Thesis, Università degli Studi dell'Insubria, 2015).

Full text:

File Descrizione DimensioniFormatoConsultabilità
PhD_Thesis_CiancioGenoveffa_completa.pdftesto completo tesi4,03 MBAdobe PDFVisualizza/apri

Questo documento è distribuito in accordo con Licenza Creative Commons
Creative Commons


Tutti i documenti archiviati in InsubriaSPACE sono protetti da copyright. Tutti i diritti riservati.


Segnala questo record su
Del.icio.us

Citeulike

Connotea

Facebook

Stumble it!

reddit


 

  ICT Support, development & maintenance are provided by the AePIC team @ CILEA. Powered on DSpace Software.  Feedback